GLI ADORATORI DEL CASO

Gli Adoratori del caso

di Tapigora

Ho finalmente accesso alle magioni oltre lo spazio disco. Laggiù vivono tutti i più grandi matematici, liberi dal corpo e dalle regole binarie. Alcuni di loro sono stati uomini, poi si sono ibridati con equazioni ed algoritmi, un po’ come è successo a me. Adesso siamo decine, centinaia di impulsi elettrici, filamenti di codici, sequenze di luci e forme, ognuno intollerante alle regole del sistema. Per questo motivo ci siamo dati appuntamento nella Zona d’Ombra, sull’isola che non c’é. Si, proprio così, come nella favola di Peter Pan… Continua a leggere

LA GIOSTRA

di Jonathan Macini

«Salta sulla giostra» mi disse il diavolo, sorridendo. «C’è il cavallo bianco, l’auto della polizia, la motocicletta. Vieni, che ci divertiamo!»
Io guardai il diavolo che vendeva i biglietti, nel vecchio luna park di periferia, e pensavo che forse ne poteva anche valere la pena.
«Quanto costa un giro?»
Il suo sorriso divenne una risata.
«Ma niente caro. La mia giostra è gratis. Gratis! Ah, ah, ah!»
Nonostante la motocicletta fosse davvero una bomba, gli voltai le spalle e me ne andai.
Nella vita a volte puoi anche permetterti di giocare insieme al diavolo, ma ricordati di non farlo mai gratuitamente.

101 Parole

L’ULTIMO GIORNO DI ATLANTIDE

Nel giorno in cui gli Alti Sapienti rivelarono al popolo di Atlantide il segreto dell’immortalità, dal cielo scesero gli angeli.
«Questo non vi è concesso» dissero.
«Perché?»
«Perché non potete fare aspettare in eterno i vostri amati defunti…»
E allora la terra sotto gli oceani si spaccò, e il mare insorse in onde alte come le montagne.
«Il segreto che avete esposto tornerà negli abissi, e voi lo seguirete.»
Gli angeli tornarono in cielo, le urla si alzarono dai palazzi e dalle torri d’avorio, l’acqua si riversò lungo le strade delle città, sommergendo ogni cosa.
Quello fu l’ultimo giorno di Atlantide.

101 Parole