VAMPIRA

di Jonathan Macini

La fece entrare, e lei affondò i suoi canini affilati nel suo avambraccio.
Sentì i muscoli irrigidirsi, le palpebre spalancarsi, come se i suoi occhi volessero schizzare fuori dalle orbite, i denti digrignare, le orecchie fischiare, avvertì un crampo all’altezza del polpaccio e una sensazione di bagnato sulla punta del pene. Percepì tutto questo nel tempo di un respiro, poi arrivò l’onda, il mare, l’oceano, il calore, il torpore, la carezza, il profumo, la melodia, l’abisso, il buio, la quiete.
Sciolse il laccio emostatico e rimase a sognare i cerchi di sabbia. Quel sogno fu l’ultimo dono della sua amica Vampira.

101 Parole

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...