ESTATE AL BAR

un-mondo-a-gambe-aperte-piccolo

di Gano

Asfalto rovente
Sole raggiante
Ventre pesante
Al mare la gente

Arietta leggera
Aperta è la porta
TV resta morta
E attendo la sera


Davanti ai miei occhi
La gonna più corta
Ciliegia di torta
Di un giorno coi fiocchi

La radio trasmette
Canzoni d’estate
E dalle vetrate
Sfilan du’ tette

Priscilla si chiama
La credevo in vacanza
Oh brutta stronza
Chissà chi ti chiava!

Col caldo le donne
Son pericolose
Sensuali e vogliose
Ma portano rogne

Rimango distante
Fó finta di niente
In pace la mente
Del tenero amante

È un caldo briccone
Conviene star fermo
Placido e calmo
Col solleone

Nessun guaio in vista
Serata assai quieta
Il bar è la meta
Lo studio d’artista

Mi bevo un birrozzo
Distendo le gambe
Il calore incombe
Ma m’importa un cazzo!

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...