RITA

di Jonathan Macini

Rita danzava col vento, e fu lui a rapirla.
Pic-nic in riva al lago, farfalle impazzite di un aprile assolato. Una bottiglia di bianco frizzante, grissini al sesamo e datteri. Le dissi: “Sei fantastica!”. Lei rise e incominciò a ballare.
A luglio successe di notte, sulla spiaggia. Le stelle potrebbero raccontarvelo. La luna invece no. Se la faceva con il mare…
Poi venne quel giorno d’ottobre, sopra un letto di foglie di platano. Piroette. Baci. Le sussurrai: “Ti amo!” Mi rispose ridendo…
Fu il vento di febbraio a portarmela via, quello che ti gela le ossa, quello che ti spezza dentro.

101 Parole

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...