FIONA

Il dobro suonava sul portico, nell’aria ferma del tardo pomeriggio. Le ore più calde erano passate, ma il termometro segnava ancora trentasette gradi. Mio zio muoveva piano le dita sulle corde, come se anche quel gesto gli costasse fatica. Le note vibravano nell’aria, calde e sognanti.
«Sono finite le storie…» sussurrai io, pensando a nonna Fiona. Mio zio rimase chino sul dobro, come se non avesse udito. Poi smise per un attimo di suonare.
«Le storie non finiscono mai, piccola…» disse.
Ma nonna Fiona se n’era andata, insieme ai pirati e ai draghi marini. Le notti calde sul portico. La luna…

101 Parole

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...