REQUIEM IN HAMMOND

Il Nosferatu muoveva le sue nodose falangi sui tasti dell’hammond, il B3 per essere precisi, accompagnato come si conviene dal Leslie 122. Il connubio è ideale per ottenere un suono morbido e rotondo, e abbandonarsi a dolci fraseggi Jazz. Alla creatura piaceva ricreare le atmosfere di Jimmy Smith, perdersi negli assoli acid, per poi riafferrare melodie classicheggianti in evidente sound progressivo.
La melodia volteggiava oltre la feritoia, perdendosi nella notte. Era il dolce requiem per la sua ultima vittima. Riversa sul freddo pavimento della torre, giaceva Gilda. Il Nosferatu le guardava la gola recisa, afferrando l’ispirazione.
Un lupo ululò alla luna.

101 Parole

Annunci

Lascia un commento

Non c'è ancora nessun commento.

Comments RSS TrackBack Identifier URI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...